Gabriele Quarta, lo chef de La Restuccia

16115071_1916854861867549_8360889532551546125_n
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest

Gabriele Quarta è lo chef de La Restuccia – Masseria Wave: il suo curriculum non lascia spazio all’immaginazione.

Nome, cognome, età, segni particolari

Gabriele Quarta, originario di Lecce, 28 anni, matura la sua passione per la cucina nella City di Londra, presso la Soho House e member club come il The Ned. 

Storie di vita

Rientrato in Puglia inizia il suo progetto di Home Restaurant riportando a tavola ciò che l’ha incuriosito da bambino, la tradizione e da chef, i sapori. La Puglia, territorio colorato dalle stagioni che la caratterizzano, è una riscoperta per Gabriele.

Chef per passione e non per professione. Inizia da bambino ad appassionarsi alle tradizioni culinarie, grazie ai nonni che lo fanno avvicinare ai sapori mediterranei. Inizia a lavorare a 13 anni come pizzaiolo, nella pizzeria del paese. A maturità finita parte per Roma, città eterna del gusto. Si avvicina alla cucina a campo de fiori e da lì prende la decisione di studiare per diventare chef. Varie stagioni in ristoranti di spicco del posto e primo ad offrire servizio di home restaurant e personal chef. Apprezzato per la sua filosofia di convivialità a tavola (essere ospite in casa propria) e la voglia di mettersi sempre in gioco. Nel 2018 entra a far parte della soho house di Londra, il the Ned lo

Elementi di unicità: Azov House, 28

Azov House è il nome del condominio in cui abito a Londra, dove a fine di una giornata passata fuori o a lavoro, portavo tutto quello che ero riuscito a raccogliere. Ogni giorno si sperimentava e si comprava qualcosa di nuovo, per poi mettersi alla prova ed aspettare quel boccone che ti avrebbe regalato l’inaspettato.

Questo piccolo ricettario è un resoconto della mia esperienza culinaria e formazione gastronomica a Londra. Sui prodotti che ha questa città, su quelli dove io ho messo occhi, mani, bocca e anche lavoro, ma soprattutto passione facendoli diventare sogni concreti.

Qui ogni strada ha i suoi odori, ne senti di nuovi, di vecchi. Da ogni casa, da ogni porta, da una qualsiasi finestra i profumi ti pervadono narici e stomaco. Si mescolano tra di loro e a tutto quello che li circonda, creando nella mente le più strane combinazioni. I sapori poi prendono uno spazio tutto loro. Decisi e violenti, ma con un lieto fine.